Vinificazione in quota

Laboratorio di spumantizzazione a 2173 metri sul livello del mare

La Cave Mont Blanc dopo 30 anni di esperienza nella produzione di vino spumante a Metodo Classico in Valle d’Aosta, è impegnata da ormai 10 anni nella sperimentazione e produzione di spumante ad alta quota. Una realtà resa possibile da una collaborazione tra la Cave Mont Blanc e la società delle Guide di Courmayeur in un’ottica comune di sperimentazione e promozione di un territorio unico al mondo e dei suoi prodotti. Il 20 luglio 2009 viene dunque picozzata in vetta al Monte Bianco la prima bottiglia di Blanc de Morgex et de La Salle Metodo Classico Extrabrut “Cuvée des Guides”, in omaggio alla montagna ed alle sue guide. Il Prié Blanc unico vitigno autoctono valdostano a bacca bianca e franco di piede, trova nella Cave Mont Blanc il suo naturale interprete e nello spumante a Metodo Classico una delle sue migliori espressioni.

La lavorazione della Cuvée des Guides, che veniva svolta interamente al Rifugio Monzino, continua ora il suo percorso con le funivie Monte Bianco al Pavillon a quota 2173 m. Il “tirage” viene fatto nella nuova cantina in quota a cui seguirà, dopo 24 mesi, il “dégorgement”. L’altitudine, la pressione atmosferica, la temperatura dei 2173 metri e le particolari attenzioni richieste in lavorazione ne determinano le caratteristiche inimitabili. L’esperienza nata nel 2005 e sin qui maturata, le diverse analisi di laboratori nazionali ed esteri, le molteplici degustazioni comparative, le particolarità del Prié Blanc, ci portano oggi a considerare le cento bottiglie magnum prodotte annualmente, un unicum nel panorama enologico mondiale.